Ailsa

AILSA

Era stato progettato da Fife come 125 rater per A. Bark1ay Walker e costruito in composito (fasciame in legno ed ossatura in acciaio) dal cantiere lnglis a cui Fife ricorreva di tanto in tanto quando si trovava con un carico di lavoro eccessivo.
Il progetto è aristocratico: scafo molto filante, elegantissimo grazie ad un bordo libero molto basso.
Ebbe alterne vicende in regata gareggiando con le altre "Big Boats" del periodo: Britannia, Calluna, Meteor II, Valkyrie III.
Dopo un difficile periodo iniziale, una progressiva messa a punto contribui a farla vincere in numerose prove della settimana di Cowes e del circuito di regate inglesi.
Vinse anche in Costa Azzurra dove nel 1896 ottenne 6 primi e 3 secondi posti battendo Britannia e Satanita.
Fu uno dei grandi yacht che vennero penalizzati nel 1897 dalla nuova formula di stazza e dal cambio dei valori dei compensi; per questo Ailsa si astenne dalle regate e nel 1898 venne trasformato in yawl per poter profittare di un miglior rating.
Fu tra i dieci partecipanti della regata transatlantica del 1905 vinta a tempo di record da Atlantic.
Ailsa, come Satanita, Nyria e Moina (poi Grappa, armatori le famiglie Negrotto Cambiaso e Durand de la Penne) è uno dei grandi yacht inglesi che vennero acquistati da armatori italiani concludendo la loro esistenza nelle nostre acque.

Progetto: William Fife III
Cantiere: A. & inglis, Pointhouse
Anno varo: 20 Aprile 1895
Armamento: Cutter Aurico
Lung. Fuori tutto: m. 32,62
Lung. Armamento: /
Lung. Galleggiamento: m. 27,20
Larghezza: m. 7,79
Pescaggio: /
Dislocamento: t. 116,2
Superfice velica: Mq. 992