2015 28 dicembre

L'ingegnere navale triestino Starkel precipita e muore sui monti della Carnia

L'uomo, 63 anni, stava passeggiando in compagnia della moglie e di alcuni amici, quando è precipitato per un centinaio di metri dalla creta di Timau. Aveva progettato anche "Ikarus", la barca dell'ex premier D'Alema
L'ingegnere navale triestino Starkel precipita e muore sui monti della Carnia

PALUZZA. Un attimo di disattenzione, complice magari la bella giornata di sole, o forse un tratto particolarmente insidioso. Di sicuro, quella che doveva essere una bella e sicura passeggiata in montagna si è tramutata in tragedia. A perdere la vita è stato il triestino Roberto Starkel, 63 anni, uno dei più famosi progettisti navali della città, che ha legato il suo nome a decine di imbarcazioni, soprattutto nel settore velico.
Starkel è precipitato poco dopo le 14 per un centinaio di metri scivolando su un insidioso tratto ghiacciato. Era in compagnia di alcuni altri amici: insieme avevano intrapreso il sentiero oltre il laghetto di Pramosio che porta alla cava di marmo e che poi sale lungo due tornantini verso la Creta di Timau. Per raggiungerla, una volta in quota, occorre intraprendere un tratto traversale, e proprio qui c’è stato l’incidente.

Secondo una prima ricostruzione Starkel si trovava in fondo al gruppo quando, a un certo punto, ha perso l’equilibrio precipitando lungo uno dei due canaloni che sovrastano la cava. Ad allarmare i compagni di gita sono state le grida che Roberto ha lanciato in un ultimo tentativo di chiedere aiuto mentre stava cadendo nel burrone. Immediatamente sono stati allertati i soccorsi ma, giunti sul posto con l’elicottero, i sanitari del 118 hanno potuto solo constatare il decesso, senza peraltro poter rimuovere la salma. Lo hanno fatto in seguito le squadre del soccorso alpino della Guardia di finanza e dei carabinieri di Tolmezzo e quelle del Cnsas di Forni Avoltri che hanno issato il corpo senza vita sull’elicottero della protezione civile regionale per portarlo al campo base e da lì alla camera mortuaria del cimitero del Comune di Paluzza.

Immediata e vasta in città l’eco per la scomparsa di quello che fu il progettista di “Ikarus” , la barca tanto amata dall’ex presidente del Consiglio Massimo D’Alema.

Lorenzo Bodini, uno dei velisti locali più noti, ricorda il lavoro svolto assieme a Starkel per “Trappola”. «Andammo più volte sul podio con quella barca in Barcolana - sottolinea - perchè Roberto ne aveva seguito l’evoluzione per renderla sempre più veloce. Era un tipo solare, sempre pronto a lavorare a qualsiasi idea, un entusiasta di ogni progetto nautico. Per lui non era solo un lavoro ma una grande passione. Abbiamo passato ore davanti al computer, a pensare la soluzione migliore per dar vita a un’idea».

«Non lo conoscevo personalmente ma - racconta Mitja Gialuz, presidente della Barcolana - ho navigato su una sua barca, Gireis, e con Diego Paoletti ci classificammo quinti e settimi nelle Barcolane 93-94. Ha disegnato barche belle, eleganti e performanti». «Più che un ingegnere era un genio - sintetizza il vicepresidente Svbg

Mauro Parladori - e dal Programma in poi, con cui ha vinto le più importante regate della stagione 80-81, al Serbidiola, al Trieste, ha avuto delle intuizioni che hanno fatto la storia nei primi anni ’80».

 

FONTE: http://ilpiccolo.gelocal.it/




 Roberto Starkel, Trieste,
Archivio news




Abbiamo a cuore la tua privacy

Utilizziamo i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione sul nostro sito. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate nella pagina privacy policy. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante ''Personalizza'' sempre raggiungibili anche attraverso la nostra cookies info. Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su ''Accetta e chiudi'' o rifiutarne l'uso facendo click su ''Continua senza accettare''