Dizionario termini nautici

Seleziona i termini nautici presenti nel database divisi per ordine alfabetico:


CERCA TERMINE
(inserire minimo 3 caratteri)
  • ABBASSO
  • termine con cui si indicano gli ambienti situati sotto il ponte di coperta.
  • ABBATTUTA
  • manovra per cambiare le mure con il vento in poppa; nel linguaggio comune stambare
  • ABBISCIARE
  • stendere un cavo o una catena come fosse una biscia in modo da evitare che si imbrogli successivamente, quando sarà posto in opera.
  • ABBORDO
  • collisione in mare. Sinonimo, poco usato, di accosto e di abbordaggio.
  • ABBRIVIO
  • inerzia dell'imbarcazione a continuare nel suo movimento anche quando è cessata la spinta propulsiva, sia essa a vela che a motore.
  • ABBUONO
  • compenso (o vantaggio) dato ad una imbarcazione per permetterle di gareggiare più equamente (ad esempio abbuono per anzianità di costruzione dello scafo).
  • ABILITAZIONE
  • 1.: riconoscimento ufficiale dell'idoneità alla conduzione di una imbarcazione (patente); 2. autorizzazione alla navigazione oltre certi limiti (ad esempio per uno yacht alla navigazione oltre le 6 miglia).
  • ACCOSTARE
  • modificare la direzione di rotta per avvicinarsi ad un'altra barca o alla banchina.
  • ACQUA
  • col termine "chiedere acqua" si intende il manifestare a viva voce il proprio diritto di precedenza, sia agli incroci (mura a dritta contro mura a sinistra) che in boa.
  • ADDUGLIARE
  • raccogliere un cavo su se stesso in modo da formare una matassa a spirale; la manovra va effettuata sempre seguendo il verso di torsione del cavo, generalmente in senso orario.
  • AFFORCARE
  • dare fondo con due ancore in modo che le catene formino tra loro un angolo di circa 90 gradi; è una manovra che si esegue per diminuire le possibilità che la barca ruoti in caso di salto di vento.
  • AGUGLIOTTO
  • perno di una cerniera; quest'ultima è detta femminella nel caso di un timone appeso allo specchio di poppa.
  • ALABARDATA
  • termine derivato da un'espressione francese per indicare lo spostamento brusco della barca rispetto alla rotta o alla prua tenuta quando è all'ancora, per effetto di vento o corrente.
  • ALABASSO
  • vedi caricabasso.
  • ALAGGIO
  • atto di portare la barca in terra, di solito per il ricovero invernale.
  • ALARE
  • tirare un cavo allo scopo di sollevare un oggetto pesante legato all'estremità opposta; nella nautica da diporto il termine alare indica espressamente il porre una barca in terra.
  • ALBERO
  • antenna. in legno o alluminio, posta in posizione verticale, appoggiata in coperta o passante e fissata alla chiglia; serve a sostenere il piano velico.
  • ALETTE
  • particolari appendici applicate alla parte inferiore del bulbo e ideate per diminuire i vortici di estremità ed accrescere la portanza, pur contenendo il pescaggio. Sono divenute famose dopo la vittoria di Australia 11 all'America's Cup.
  • ALFA
  • termine che rappresenta la A nell'alfabeto fonetico internazionale ICAO.
  • ALISEI
  • venti provocati dal riscaldamento dell'aria nelle zone equatoriali; spirano costanti da Nord-Est nell'emisfero Nord e da Sud-Est in quello Sud.
  • ALLASCARE
  • vedi lascare.
  • ALLESTIMENTO
  • atto dell'allestire; si intende la sistemazione degli interni, attrezzature, strumentazione, organi di governo, ecc., dopo la costruzione dello scafo.
  • ALLINEAMENTO
  • retta passante per due punti; si è effettuato un allineamento in mare quando si sta navigando sulla rotta passante per due punti cospicui (fari, mede, ecc.); operazione tipica degli atterraggi in una costa densa di pericoli.
  • ALLUNAMENTO
  • curvatura convessa della balumina per accrescere l'area della vela; tipico nelle moderne rande.
  • ALTEZZA D'ONDA
  • distanza tra la cresta dell'onda e il cavo che la segue o la precede, presa perpendicolarmente alla linea dell'orizzonte.
  • ALTOCUMULO
  • nube che si trova a circa 5000-6000 metri, caratterizzata dall'essere aggregata in ampie distese rotondeggianti, con contorni e ombre sempre ben distinte; se tende a dissolversi le condizioni restano stazionarie, se invece assume forma lenticolare è probabile un forte rinforzo di vento.
  • ALTOSTRATO
  • nube che forma un velo grigio omogeneo che attenua fortemente la luce diurna; si trova a 6000-7500 metri di altezza.
  • ALTURA
  • l'alto mare, fuori dalla vista di terra.
  • AMANTIGLIO
  • manovra corrente (normalmente una cima tessile) utilizzata per sostenere un'asta (boma, tangone, ecc.); per questo corre internamente all'albero in modo identico alle drizze (che può anche sostituire in casi di emergenza).
  • AMMAINARE
  • fare calare vele, bandiere, ecc. filando la cima a cui gli oggetti alzati sono dati volta.
  • AMMIRAGLIATO
  • classico tipo di ancora dall'ottima tenuta su qualsiasi fondale, anche se pesante e difficile da maneggiare; sulle imbarcazioni da diporto è utilizzato unicamente il modello a ceppo sfilabile.
  • ANCORA
  • strumento metallico con bracci terminali detti marre, utilizzato, una volta gettato in acqua, per fermare l'imbarcazione ad essa legata mediante un cavo o una catena. Diversi sono i tipi di ancore a seconda dei fondali e delle caratteristiche dell'imbarcazione: ammiragliato, Fortress, CQR, Danforth, Hall, Bruce e grappino.
  • ANCORA AMMARATA
  • dicesi di ancora la cui catena si è avvolta attorno alle marre non permettendo allo strumento di penetrare nel terreno e fare sufficiente presa.
  • ANCORA GALLEGGIANTE
  • oggetto semigalleggiante con la funzione di frenare fortemente lo scarroccio dello yacht; normalmente è costituita da un cono di materiale tessile la cui bocca è mantenuta sempre aperta da una armatura rigida, così da funzionare come un piccolo "paracadute"; la parte terminale posteriore è provvista di una apertura di diametro inferiore alla bocca per favorire il deflusso non vorticoso dell'acqua.
  • ANCORAGGIO
  • specchio d'acqua utilizzato per ancorarsi; un buon ancoraggio deve avere un fondo che tenga bene e deve essere riparato sia dal vento che dalla risacca e dalle onde.
  • ANCORARE
  • ancorarsi: dare fondo all'ancora per fermare l'imbarcazione ad essa legata.
  • ANCOROTTO
  • ancora di peso modesto utilizzata su imbarcazioni di basso dislocamento, adottata anche per le manovre con due ancore appennellate.
  • ANDANA
  • si effettua attracco in andana quando la barca si affianca parallelamente ad un altro yacht già ormeggiato alla banchina; se si occupa la seconda o la terza fila si dice in seconda o terza andana.
  • ANDATURA
  • direzione di avanzamento della barca rispetto al vento; assume nomi differenti man mano che il vento ruota passando da prua verso poppa (bolina stretta: 40-45 gradi al vento apparente; bolina: 45-55 gradi; bolina larga: 60-80 gradi; traverso: 90 gradi; lasco: 100-130 gradi; gran lasco: 140-170 gradi; poppa pieno o fil di ruota: 180 gradi).
  • ANEMOMETRO
  • strumento per misurare la velocità del vento (se la barca è ferma si determina il vento reale, ovvero il fluire del vento non alterato dal moto dello yacht, mentre se la barca è in moto la misura si intende effettuata sul vento apparente, cioè la risultante tra il vento reale e il vento di avanzamento).
  • ANGOLI DELLA VELA
  • l'angolo compreso tra la base e l'inferitura è detto di mura perchè murato allo scafo; I'angolo più alto è chiamato di penna, ad esso è collegata la drizza; I'angolo di scotta è quello di incontro tra base e balumina.
  • ANGOLO MORTO
  • Settore in prossimità della direzione del vento dove la navigazione è impossibile dal momento che una barca a vela non può procedere direttamente controvento. La maggior parte delle barche non riesce a formare con la direzione del vento un angolo inferiore a 30-35°.
  • ANODI
  • Accessori di zinco fissati vicino ad apparecchiature, quali il timone, gli elementi armamento e l'albero dell'elica, per proteggere dalla corrosione elettrolitica che li attacca per primi.
  • ANTICICLONE
  • area di alta pressione atmosferica.
  • ANTISDRUCIOLO
  • trattamento o rivestimento applicato sul piano calpestabile della coperta per evitare di scivolare.
  • ANTIVEGETATIVA
  • pittura sottomarina ideata per impedire l'attacco e le incrostazioni di alghe o particolari tipi di fauna marina (tipici i denti di cane o i corallini).
  • APPENDICE DI CARENA
  • qualsiasi superficie che sporge dalla carena (deriva, pinna, bulbo, timone, skeg, trimmer,ecc.).
  • APPENNELLARE
  • dar fondo con due ancore, una di seguito all'altra sulla stessa catena, per impedire che la prima ari.
  • APPOPPARE
  • affondare la poppa più di quanto preveda il normale assetto.
  • APPRODO
  • località in cui si può approdare, cioè scendere in costa; ad esempio per approdo turistico si intende un porto attrezzato appositamente per gli yachts da diporto (detto anche marina).
  • APPRURARE
  • affondare la prua più di quanto preveda il normale assetto.
  • ARARE
  • termine che indica il muoversi dell'ancora quando è sottoposta a trazione, ovvero quando non ha fatto presa sul fondo.
  • ARDENTE
  • dicesi di barca che tende ad andare all'orza.
  • ARENARE
  • arenarsi: fermare una barca con la chiglia poggiata su una spiaggia o una secca.
  • ARGANO
  • vedi verricello o salpa-ancora.
  • ARMAMENTO
  • l'insieme delle operazioni necessarie affinchè una barca possa prendere il mare (dal porre le attrezzature in condizione di poter operare all'accumulo di provviste, ecc.), comprendendo anche il montaggio dell'albero e la sua messa a punto; per estensione si usa spesso il termine armamento per indicare il tipo di attrezzatura velica (vedi attrezzare).
  • ARMARE
  • preparare parte dell'attrezzatura affinchè possa eseguire il lavoro per cui è stata predisposta (armare la randa, il tangone, lo spinnaker, ecc.).
  • ARMATORE
  • il proprietario dello yacht.
  • ARRICAVO
  • termine usato normalmente per indicare la parte fissa di un cavo legata ad una staffa (quasi sempre foggiata a golfare, per estensione anch'esso denominato arricavo) o a un anello solidale ad un bozzello; la cima, inviata ad un secondo bozzello e poi fatta ripassare nella puleggia del primo, forma, insieme ai bozzelli, un paranco.
  • ARRIDATOIO
  • sistema a vite posto all'estremità delle sartie per poterle tesare.
  • ASSE
  • dell'elica o del timone; sono chiamati i sostegni (quasi sempre di acciaio inox) che permettono ai vari organi di ruotare espletando così la loro funzione.
  • ASSETTO
  • posizione corretta dello scafo rispetto alla superficie del mare.
  • ASSUCCARE
  • cazzare una manovra dopo averla lascata per recuperare un imbando.
  • ASSUCCATO
  • dicesi di un nodo particolarmente stretto.
  • ATTERRARE
  • raggiungere la costa per scendere a terra.
  • ATTRACCARE
  • è usato in generale come sinonimo di ormeggiare, ma più correttamente indica l'atto di ormeggiare ad una banchina, così da poter scendere a terra direttamente, senza dovere usare il tender (si può invece ormeggiare anche ad un gavitello, nel qual caso l'uso del battellino di servizio è d'obbligo).
  • ATTRACCO
  • l'atto dell'attraccare.
  • ATTREZZARE
  • installare l'albero e la relativa attrezzatura (sartie, stralli, drizze, ecc.).
  • ATTREZZATURA
  • I'insieme dell'albero, sartiame, arridatoi, drizze, amantigli, bozzelli, ecc. destinato a sorreggere e manovrare le vele; le barche a vela sono identificabili per tipi a seconda dell'attrezzatura, ovvero a seconda del numero e della disposizione degli alberi e delle manovre fisse e correnti (cat, sloop, cutter, ketch, yawl, goletta, schooner).
  • ATTREZZATURA DI COPERTA
  • I'insieme di attrezzature, winches, bozzelli, ecc. necessari per le manovre in coperta.
  • ATTREZZATURA FRAZIONATA
  • attrezzatura il cui strallo di prua, sul quale viene inferito il fiocco, arriva solitamente a 7/8, 3/4 o 9/10 dell'altezza totale dell'albero; da ciò derivano i relativi nomi di piano velico a 7/8, 3/4 o 9/10.
  • AURICA
  • vela dal taglio a forma trapezoidale che viene inferita ad un picco.
  • AUTOGONFIABILE
  • canotto pneumatico (contenuto in un apposito involucro floscio o rigido) in grado di gonfiarsi automaticamente tirando una speciale cimetta; è obbligatorio sugli yachts abilitati alla navigazione d'altura.
  • AUTOVIRANTE
  • viene così chiamato un fiocco che abbia il punto di scotta collegato ad un carrello che scorra su di una corta rotaia posta trasversalmente a pruavia dell'albero, in modo da evitare la manovra delle scotte durante la virata; molto diffuso anche il termine inglese self-tacking; sulle barche d'epoca il fiocco autovirante (trinchettina) è quasi sempre bomato, cioè con la base inferita su un apposito boma.
  • AUTOVUOTANTE
  • dicesi di un pozzetto che permette il rapido e completo deflusso dell'acqua attraverso gli ombrinali: di fatto rappresenta un fattore di sicurezza nel caso in cui una ondata (o anche solo la pioggia battente) abbia riempito il pozzetto stesso.
  • AVARIA
  • guasto allo scafo o alle attrezzature dello yacht.
  • AVVISI ( AI NAVIGANTI )
  • bollettini pubblicati a cura dell'lstituto Idrografico della Marina. riportanti variazioni temporanee o permanenti dei dati e delle informazioni indicate sulle carte nautiche, sui portolani e sull'Elenco dei fari, fanali e segnali da nebbia.
  • AVVISTARE
  • riuscire a vedere la costa, un'altra imbarcazione o anche solo un oggetto lontano.
  • AVVOLGIFIOCCO
  • sistema per arrotolare il fiocco attorno allo strallo; con esso si può ridurre con continuità la tela esposta al vento senza effettuare il cambio delle vele.
  • AVVOLGIRANDA
  • sistema per ridurre, issare o ammainare la randa avvolgendola intorno a speciali boma o internamente ad apposite cavità dell'albero.