Rainbow

RAINBOW

Venne costruito per Sir c.L. Orr Ewing, membro del parlamento. Lo scafo era in composito (ossatura in acciaio con fasciame in legno). Nonostante fosse stato progettato per la crociera, era noto per essere lo yacht più veloce del suo tempo avendo raggiunto pur con vento leggero una velocità di 16 nodi su un lungo bordo. Questo era in buona parte dovuto al suo piano velico: i due alberi molto ravvicinati permettevano di avere molto grandi la randa di maestra ed il triangolo di prua garantendo in pari tempo una buona manovrabilità al momento di fare i bordi.
Questa capacità di sviluppare grande velocità gli consentì di avere buoni risultati in tempo reale ma la nuova tabella dei compensi approvata dall'YRA lo penalizzò fortemente e sconfortanti furono i risultati in tempo compensato.
Suo tradizionale rivale fu Bona da cui fu sempre battuto soprattutto con venti leggeri, quando lo yacht italiano era imprendibile.
Nel quadro dell'espansione dello yachting germanico voluta dal Kaiser Guglielmo Il, alla fine del 1903 Rainbow venne acquistato da un sindacato di armatori tedeschi ed il nome venne cambiato in Hamburg.
Fu molto attivo nelle regate tedesche e, unico yacht con bandiera tedesca, partecipò alla Kaiser Cup, la famosa regata transatlantica del 1905. Giunse secondo su 11 partecipanti distaccato di 22 ore da Atlantic con cui era stato ingaggiato durante tutta la prima giornata della regata.
Alla fine della prima guerra mondiale tornò ad essere armato in Inghilterra con il suo nome di origine.

Progetto: George L. Watson
Cantiere: D. & W. Hendersons & Co, Patrick on the Clyde
Anno varo: Maggio 1898
Armamento: Goletta aurica
Lung. Fuori tutto: m. 40,41
Lung. Armamento: /
Lung. Galleggiamento: m. 35,40
Larghezza: m. 7,24
Pescaggio: /
Dislocamento: t. 185
Superfice velica: Mq. 1.247